slide slide slide

Servizi per il mercato azionario dedicato alle PMI

AIM ITALIA: DIVIDENDI 2017 IN CRESCITA DEL 14%

04/05/2017

- 22 società distribuiscono dividendi per l’esercizio 2016, di cui 16 con cedola in pagamento nel mese di maggio

- 2,7% il dividend yield medio, 51% il payout ratio

- GPI, LU-VE e Zephyro prime per monte dividendi

Milano, 4 maggio 2017

IR Top, Partner Equity Markets di Borsa Italiana – LSE Group, leader in Italia nella consulenza specialistica sulle Investor Relations e Advisor per l’IPO, attraverso il proprio Osservatorio AIM ha analizzato il trend di rendimento e di remunerazione in termini di dividendi distribuiti dei titoli quotati sul mercato AIM Italia.

Per l’esercizio 2016 si evidenza un rafforzamento della politica dei dividendi adottata dalle società AIM; sono 22 le aziende (28% del mercato AIM) che distribuiscono dividendi ai propri azionisti nel 2017, in particolare: BioDue, Clabo, Cover 50, Elettra Investimenti, First Capital, Giorgio Fedon & Figli, GPI, Health Italia, Iniziative Bresciane, Italian Wine Brands, Leone Film Group, Lucisano Media Group, LU-VE, Masi Agricola, Notorious Pictures, Piteco, PLT Energia, Rosetti Marino, Tbs Group, Tech-Value, Triboo, Zephyro. 16 aziende staccheranno la cedola nel mese di maggio.

“Con circa un terzo di aziende che ha approvato dividendi nel 2017, - commenta Anna Lambiase, Amministratore Delegato IR Top Consulting - AIM Italia, che si contraddistingue per società con minore track record azionario rispetto all’MTA e più concentrate nel reinvestire gli utili per i propri obiettivi di crescita, si sta rivelando, oltre le attese,  un mercato che remunera gli investitori, attraverso dividend policy che prevedono sia l’incremento nella distribuzione di dividendi nel corso degli anni sia il mantenimento dell’obiettivo a lungo termine di generare valore per gli azionisti”.

 

Tab. – Dividendi AIM Italia 2017

Società

Dividendo p.a. (€)

Dividendo Totale (€ mln)

Dividend Yield (*)

Data Pagamento

Data assemblea

LU-VE

0,22

4,4

1,5%

20/4/17

12/4/17

Health Italia

0,081

1,0

2,1%

4/5/17

26/4/17

Notorious Pictures

0,0529

1,2

5,2%

4/5/17

27/4/17

Tech-Value

0,06

0,2

1,9%

4/5/17

27/4/17

Tbs Group

0,012

0,5

0,6%

10/5/17

27/4/17

Iniziative Bresciane

0,60

2,3

3,7%

10/5/17

28/4/17

Piteco

0,15

2,7

2,8%

10/5/17

28/4/17

GPI

0,3

4,6

2,7%

10/5/17

28/4/17

Lucisano Media Group

0,05

0,7

2,4%

10/5/17

28/4/17

Leone Film Group

0,09

1,3

2,0%

10/5/17

28/4/17

Rosetti Marino

0,3

1,1

0,9%

17/5/17

28/4/17

First Capital

0,042

1,1

4,3%

24/5/17

12/4/17

Elettra Investimenti

0,25

1,0

4,1%

24/5/17

28/4/17

Masi Agricola

0,09

2,9

2,1%

24/5/17

28/4/17

Triboo

0,075

2,2

2,1%

24/5/17

3/5/17

Italian Wine Brands

0,20

1,3

2,0%

31/5/17

12/4/17

Cover 50

0,5

2,2

5,2%

31/5/17

18/5/17

BioDue

0,06

0,7

1,3%

7/6/17

26/4/17

Zephyro

0,3

3,2

4,3%

28/6/17

27/4/17

PLT Energia

0,1003

2,4

3,7%

5/7/17

28/4/17

Clabo

0,035

0,3

2,1%

12/7/17

28/4/17

Giorgio Fedon & Figli

0,35

0,7

2,7%

26/7/17

28/4/17

MEDIA

0,18

1,7

2,7%

SOMMA

37,9

Fonte: Osservatorio IR Top su dati societari - Dividend yield calcolato al 2 maggio 2017(*), società in ordine di data di pagamento.

 

L’importo totale distribuito è pari a 37,9 milioni di Euro, in crescita del 14% rispetto al 2016 (33,2 milioni di Euro), con una media di 1,7 milioni di Euro (1,3 milioni di Euro nel 2016).

Il dividendo lordo medio è pari a Euro 0,18 per azione (Euro 0,13 nel 2016), con un payout ratio medio del 51% (56% nel 2016). Il dividend yield[1] medio è pari al 2,7% (2,7% nel 2016).

Al primo posto per dividend yield, con un valore pari al 5,2%, emergono Notorious Pictures, tra le principali società indipendenti nella produzione e acquisizione dell'intera gamma dei Diritti sulle Opere Cinematografiche, con un dividendo di 0,0529 Euro per azione, e Cover 50, specializzata nella creazione e commercializzazione di pantaloni alto di gamma, con un dividendo di 0,5 Euro p.a..
Seguono First Capital, specializzata in investimenti di Private Investments in Public Equity e di Private Equity, e Zephyro, attiva nel settore dell’efficienza energetica con soluzioni integrate di energy management per strutture complesse, entrambe con un dividend yield pari al 4,3%. Anche Elettra Investimenti, specializzata nella produzione di energia elettrica e termica e nell’efficienza energetica, si colloca tra le prime società AIM con un rapporto dividendo/prezzo pari al 4,1%.

Il settore Green, con un totale di 11,8 milioni di Euro in termini di remunerazione, è al primo posto per importo totale distribuito. Il 36% delle società AIM che distribuiscono dividendi ha sede in Lombardia.

Tra i titoli con il maggiore monte dividendi si annoverano: GPI, LU-VE e Zephyro. In particolare, l’assemblea di GPI, partner tecnologico di riferimento nel mercato della Sanità con soluzioni all’avanguardia nel campo dell’informatica socio-sanitaria, ha stabilito la distribuzione di una cedola pari a 0,3 per azione, per un totale di 4,6 milioni di Euro. LU-VE, società attiva nel settore della refrigerazione, del raffreddamento di processo per applicazioni industriali e power generation, ha distribuito un dividendo pari a 4,42 milioni di Euro e Zephyro che distribuirà un totale di 3,22 milioni di Euro.

IL MERCATO AIM ITALIA

Al 2 maggio 2017 il mercato AIM Italia comprende 79 società con una capitalizzazione complessiva di 3,6 miliardi di euro e una raccolta in equity da IPO pari a 1 miliardo di euro. La raccolta mediana è pari a 5,3 milioni di Euro (12,6 milioni di euro il dato medio) con il 47% delle società che ha raccolto meno di 5 milioni di Euro, per un flottante medio del 22% (al netto delle SPAC). Nel 2016-2017 si sono registrate 15 IPO (S.M.R.E., Energica Motor Company, Vetrya, Abitare In, Industrial Stars of Italy 2, Innova Italy 1, Dominion Hosting Holding, FOPE, SCM SIM, SITI B&T Group, 4AIM SICAF, Health Italia, Telesia, Crescita e TPS) che hanno raccolto 349,7 milioni di euro. Si sono inoltre realizzate le business combination di GPI con la SPAC Capital For Progress 1 e di Orsero con la SPAC Glenalta Food. Il 67% delle IPO 2016-2017 evidenzia una performance da IPO positiva pari in media al +36%.

 


[1] Calcolato sul prezzo del 2 maggio 2017.