slide slide slide

Servizi per il mercato azionario dedicato alle PMI

Caleido Group

logoCaleido

Settore: Turismo Tailor Made
NomAd: Integrae Sim
Sede: Via Gian Giacomo Mora, 20  - Milano
Ricavi 2015: 8,3 € mln
Data IPO: 24/03/2015
Raccolta da IPO: 1,45 € mln
Prezzo IPO: 3,00 €

 

Top Management
Cristiano Uva - Presidente e Amministratore Delegato
Stefano Uva - Amministratore

 

Profilo societario

Caleido Group è attiva nel settore del turismo e specializzata nell’offerta di soluzioni di viaggio su misura per tour operator, agenzie di viaggio e clienti finali. Nasce nel 2014 dal conferimento dei brand Caleidoscopio, Travelab e Dreambox da parte del Gruppo Oltremare, attivo da oltre 40 anni nel settore del turismo di fascia alta e lungo raggio, con un’offerta di servizi di qualità rivolti ai mercati consumer e business. La società si avvale di una piattaforma tecnologica altamente innovativa e competitiva, oltre che di una struttura organizzativa flessibile e uno staff altamente specializzato. Attraverso i 3 brand Caleido Group si interfaccia con le agenzie di viaggio classiche e online per fornire servizi turistici al cliente finale: CALEIDOSCOPIO è un player di riferimento nel mercato del centro Nord Italia tra i tour operator attivi nel settore dei viaggi su misura; TRAVELAB è un brand di turismo e-commerce fondato nel 2012, rivoluzionario sistema di «web-booking» destinato a semplificare, velocizzare e rendere sempre più efficiente e customizzata la costruzione dei pacchetti
turistici da parte delle agenzie di viaggio; DREAMBOX è una linea di innovativi cofanetti regalo esperienziali, multitematici e brandizzati.

Fonte: Società

 

FATTORI DI SUCCESSO

Tra i principali fattori di successo che distinguono il Gruppo e i suoi brand:

  • La storicità dei marchi della capogruppo Oltremare e l’elevata brand awareness sul mercato italiano di Caleido, insieme all’elevato appeal del più recente Dreambox 
  • L’elevata qualità del prodotto
  • La flessibilità della struttura organizzativa grazie alla dimensione medio/piccola della Società e approccio dinamico e aggressivo al mercato
  • Staff altamente specializzato nel settore del tour operating
  • Elevato contenuto innovativo e tecnologico dei servizi offerti in grado di garantire tempestività e convenienza, alta fruibilità dei servizi da parte del cliente, e prodotti innovativi (Travelab e Dreambox)
  • Basso fattore di rischio operativo (no impegni su voli, strutture…)

 

Azionariato

 Azionista  % capitale
Oltremare Tour Operator S.r.l. 80,01%
Mercato 19,99%
Fonte: società, luglio 2016  

Il capitale sociale di Caleido Group sottoscritto e versato in seguito all’assegnazione delle bonus share è pari a Euro  1.824.872,25, composto da n. 2.499.825  azioni ordinarie.

Consiglio di Amministrazione

Cristiano Uva – Presidente e Amministratore Delegato
Cristiano Uva è nato il 12 aprile 1973 a Napoli. Laureato in giurisprudenza all’Università Federico II di Napoli, Master in Diritto Internazionale Privato presso l’Università Parigi II Pantheon-Assas ed in Diritto Comunitario presso il Collegio d’Europa di Bruges. Dopo un periodo di due anni presso l’ufficio di Bruxelles dello studio legale internazionale Coudert Brothers, entra nell’ufficio legale della sede londinese di Goldman Sachs. Nel 2002 ottiene un dottorato di ricerca in Diritto Comunitario. Dopo un’ulteriore esperienza professionale di un anno presso la società d’investimenti Axa Investment Managers, entra in Oltremare Tour Operator S.r.l. nel 2004 ricoprendo diversi ruoli.

Stefano Uva – Amministratore
Stefano Uva è nato a Napoli il 31 marzo 1977. Laureato in Economia e Commercio, da sempre lavora nel settore del turismo e del tour operating collaborando sin dall’inizio con la società Oltremare Tour Operator S.r.l.. Nel corso degli anni svolge diverse mansioni per passare, poi, alla gestione del comparto commerciale. Nel 2009 si occupa dell’operazione di acquisizione da parte di Oltremare Tour Operator S.r.l. del marchio Caleidoscopio dedicandosi, successivamente, alla fase di rilancio del brand stesso. Attualmente, oltre a definire le politiche commerciali, coordina i reparti di vendite, prodotto e marketing.

Raffaele De Luca Tamajo – Amministratore indipendente
Raffaele De Luca Tamajo è nato a Napoli il 27 ottobre 1945. È professore ordinario di Diritto del lavoro nell’Università di Napoli Federico II, nonché Direttore responsabile della Rivista Italiana di Diritto del Lavoro e membro del Consiglio Direttivo dell’AGI (Avvocati Giuslavoristi Italiani) e dell’Associazione forense del lavoro di Napoli, di cui è stato anche Presidente. Ha fatto parte di numerose Commissioni ministeriali con compiti di consulenza e progettazione legislativa tra cui le Commissioni nominate: dal Presidente del Consiglio per la emanazione della nuova disciplina del trattamento di fine rapporto (insieme a Gino Giugni e Domenico Valcavi) (1982); dal Ministero dei Trasporti sulla microconflittualità e i disservizi dell’Aeroporto di Fiumicino (1981); dal Ministero del Lavoro per la riforma dello Statuto dei lavoratori (1989), per la riforma della disciplina dell’orario di lavoro e del lavoro interinale (1993), per la revisione dell’Accordo 23 luglio 1993 (1998) e per la riforma della legislazione del Lavoro (1999); dai Ministeri della Giustizia e del Lavoro per la riforma del processo del lavoro (2001). Ha fatto parte altresì di Commissioni di studio nominate dal Comune di Napoli per la revisione della pianta organica (1995) e dalla Regione Campania per la progettazione di un nuovo contratto di lavoro con finalità formativa (AIFA).

Eventi e Presentazioni

Interviste

15.10.2015 - Uva (Caleido): “Ampliamo la rete commerciale e puntiamo a un’acquisizione”

Cristiano Uva a.d

MILANO (AIMnews.it) – “Il business tiene bene, i segnali sono incoraggianti e la società migliora i propri conti, seppur in un mercato in rallentamento”. A dichiararlo è Cristiano Uva, Amministratore Delegato di Caleido, società attiva nel settore del turismo Tailor Made sbarcata sul mercato AIM Italia a fine marzo.

Il settore del turismo appare in controtendenza, ma voi andate bene. In cosa vi differenziate?
Il comparto viene visto in crisi sia per la concorrenza di internet, con  siti dedicati e fai da te, sia per i rischi geopolitici che negli ultimi anni riducono le possibili mete di viaggio. Penso ad esempio al Nord Africa, all’Egitto, al Medio Oriente. Si tratta però di un turismo di fascia medio bassa che è quindi distante dai nostri target.

Che sono?
Storicamente ci collochiamo nella fascia medio alta, con un’offerta di pacchetti vacanze Tailor Made, in particolare nei viaggi di nozze, ecc. Anzi, direi che le difficoltà che si riscontrano nelle mete a corto raggio ci avvantaggiano.

In che maniera?
Aumentano le richieste per mete alternative, Oceano Indiano, Dubai. A queste si aggiungono poi le aree geografiche in cui siamo più forti e che sono anche le più sicure in questa fase, vale a dire Stati Uniti e Caraibi.

Quindi i risultati sono positivi?
Direi proprio di sì. Il primo semestre ha visto un aumento del 9% del valore della produzione, ma nel nostro settore è il terzo trimestre quello che conta veramente. Storicamente vale circa metà dei ricavi dell’intero esercizio, mentre l’ultimo quarter circa il 20%.

Come è andato il terzo quarter?
Direi molto bene, secondo le nostre previsioni. Nel primo semestre abbiamo accumulato richieste e riempito il portafoglio ordini, ma anche a trimestre ormai finito direi che gli ordinativi rimangono a buon livello. Il portafoglio ordini consolidati, con le pratiche da erogare entro fine anno, ha un valore superiore ai 6 milioni.

E a livello di business unit?
Caleidoscopio (programmazione dei viaggi su misura)  viene da sempre riconosciuto come uno dei migliori brand tra i tour operator e cresce molto bene in percentuale double digit. Travelab (piattaforma di dynamic packaging B2B) sta allargando la propria presenza nel centro e sud Italia e infine DreamBox (gift box di alta gamma) mantiene ricavi e marginalità stabili.

Pensate in un futuro non lontano di dismetterlo, vista la quota marginale dei ricavi, circa il 7% nel primo semestre?
Assolutamente no. È un comparto che ci interessa, che sta crescendo e che anzi vorremmo spingere di più.

Le vostre prossime mosse?
Sul versante marketing stiamo ampliando la nostra rete commerciale, un fatto che ha limato la nostra marginalità a livello di ebitda, ma che è necessaria per poter crescere. Teniamo conto che serviamo meno di un migliaio di agenzie in Italia, a fronte di un mercato di riferimento di circa 9mila agenzie. Ci stiamo poi muovendo anche su altri due ambiti. In primo luogo sull’e-commerce, con il lancio di una nuova versione di Genius Lab, la più evoluta piattaforma B2B del mercato turistico specializzata in sistemi di prenotazione di hotel e servizi.

E il secondo?
La crescita per linee esterne: l’obiettivo è compiere una piccola acquisizione di una realtà internazionale interessante. Che sarà finanziata con la liquidità raccolta in fase di Ipo. Ma, ripeto, si tratta solo di una piccola operazione. Viceversa, se e quando troveremo un’occasione interessante per fare un ulteriore salto di qualità, valuteremo se chiedere nuove risorse al mercato. Per ora queste sono sufficienti.

 

Bilanci e relazioni

 

Comunicati Stampa

2016

2015