MILANO (AIMnews.it) – Il Consiglio di Amministrazione di Monnalisa approva il Bilancio Integrato 2020 e presenta il Piano di Sostenibilità 2021-2023.

Il Bilancio Integrato 2020 è predisposto secondo i GRI Standards della Global Reporting Initiative e i princìpi guida e contenuti dell’International Framework definiti dall’International Integrated Reporting Council (IIRC).
In particolare, il Bilancio Integrato 2020 ha esteso per la prima volta il perimetro di rendicontazione a tutto il Gruppo Monnalisa, rafforzando così la trasparenza della rendicontazione. E’ stata affidata a BDO Italia la certificazione del report in vista dell’impegno della predisposizione della DNF volontaria a partire dal bilancio 2021.

L’Analisi di Materialità intrapresa nel Bilancio 2018 ha consentito di identificare e rendicontare i contenuti da maggiormente rilevanti per Monnalisa e gli stakeholder. Alla luce degli eventi pandemici, mediante il coinvolgimento dell’Alta Direzione, sono stati rivisti in chiave dinamica alcuni aspetti dell’analisi per valorizzare alcune tematiche divenute più rilevanti. In particolare, sono state selezionare tutte quelle attinenti all’area Risorse Umane (salute e sicurezza; condizioni di lavoro; work life balance; sviluppo e formazione; rispetto dei diritti umani, diversità e pari opportunità), Ambiente (sostenibilità dei materiali), Governance (strategie di sostenibilità) e Responsabilità di Prodotto e Consumatori (protezione, salute e sicurezza; eco-design e innovazione di prodotto).

Piero Iacomoni, Presidente di Monnalisa, ha commentato: “Presentare un annual report, fotografia accurata e immagine trasparente, di un anno come il 2020, è stato particolarmente difficile e impegnativo. Ma siamo orgogliosi e fieri di pubblicarla per raccontare la nostra ostinata tenacia, il nostro modo di fare impresa, la nostra necessità di presentarci al mondo senza filtri, nei nostri limiti e nei nostri punti di forza, in un anno che passerà alla storia come uno spartiacque, associato a grevi parole di crisi e di emergenza sanitaria. In questo 2020, che ha cambiato la visione del mondo e le prospettive future, appare a tutti evidente come la sostenibilità sia fondamento del nostro agire. Verso Monnalisa ho l’orgoglio del padre fondatore, ma, tra tutte le scelte che hanno consentito a questa azienda di crescere per oltre mezzo secolo, è la sostenibilità, una scelta che mi rende più orgoglioso, anche perché fatta in tempi così lontani da sembrare pioneristica e visionaria. Più di vent’anni fa, Monnalisa ha intrapreso un modello di sviluppo in grado di assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione corrente, senza compromettere la possibilità delle generazioni future di realizzare i propri. Essere sostenibili oggi non è più differibile. Alla sostenibilità economica, sociale, ambientale che è nel DNA di questa azienda, affidiamo con fiducia il futuro che ci aspetta.”

Christian Simoni, Amministratore Delegato di Monnalisa, ha dichiarato: “Nel 2019, l’azienda ha avviato un processo strutturato di Analisi di Materialità, proseguito e aggiornato negli anni successivi, che ha consentito di identificare le tematiche maggiormente significative per Monnalisa e tutti i suoi stakeholder, anche attraverso il loro diretto coinvolgimento. Questo ci ha condotti alla formulazione di un Piano di Sostenibilità, che sintetizza la nostra visione strategica in materia di sostenibilità, proprio partendo dai risultati di quell’analisi. Il Piano triennale definisce un sistema di obiettivi ed azioni relativamente a undici temi materiali, allineati con sette SDGs, che includono, tra gli altri, la promozione delle pari opportunità in un’ottica di inclusività e valorizzazione dell’unicità di ogni individuo, il miglioramento del benessere delle persone, la gestione responsabile della catena di fornitura, il consumo responsabile di materiali, la riduzione dell’impatto ambientale dei nostri prodotti e della carbon footprint dell’azienda, la diffusione di una cultura della sostenibilità. Proprio al fine di diffondere una cultura della responsabilità sociale e dello sviluppo sostenibile, questo processo ha inoltre avuto un impatto rilevante sulla governance e sull’organizzazione aziendale.”

A conferma del concreto impegno nei confronti delle tematiche ESG e nell’identità sostenibile del Gruppo, il Consiglio di Amministrazione ha inoltre presentato il Piano di Sostenibilità al 2023 che rappresenta la visione strategica di Monnalisa.

Gli obiettivi del Piano riguardano, in particolare, il migliorare il benessere delle persone (SDG 3), la promozione delle pari opportunità (SDG 5), lo sviluppo di talenti e certezza del lavoro (SDG 8), la gestione responsabile della catena di fornitura (SDG 10), il consumo responsabile dei materiali, la diffusione di una cultura di sostenibilità nell’impiego dei materiali e la sensibilizzazione ad un consumo responsabile (SDG 12), la riduzione dell’impatto ambientale di Monnalisa (SDG 13), e l’attrazione di investitori sensibili alle tematiche ESG, la diffusione di una cultura della sostenibilità presso tutti gli stakeholder, la collaborazione con altre realtà e il rafforzamento della governance societaria (SDG 17). In riferimento agli obiettivi individuati, il management ha definito specifiche azioni, quali: la reintroduzione del sistema di welfare aziendale, lo stop alla plastica non necessaria nel packaging di prodotto e l’utilizzo di materiali riciclati, la mappatura delle materie prime utilizzate, l’estensione dei principi di “compliance 231” alle altre Società del Gruppo. Al fine di assicurare il raggiungimento degli obiettivi del Piano di Sostenibilità, la Società ha inoltre creato un team (composto da CSR manager, HR manager, responsabile SA8000, Responsabile progetti speciali, responsabile certificazione ambientale) con il compito di definire obiettivi, target e tempistiche del Piano di Sostenibilità, e di monitorare lo stato di avanzamento dei progetti informando costantemente l’Amministratore Delegato. Quest’ultimo ha la funzione di sovraintendere alla gestione complessiva della sostenibilità in Azienda e di fornire un indirizzo strategico al Piano in linea con le strategie di business del Gruppo.

Gli obiettivi verranno rendicontate agli stakeholder attraverso il reporting di Sostenibilità e verranno aggiornati annualmente partendo dai risultati via via raggiunti e aggiungendo le nuove esigenze che emergono nel tempo.